Questo sito utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per permettere una migliore esperienza di navigazione. Cliccando ok, continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di più

Le attività svolte per la gestione del quotidiano all'interno della Comunità Alloggio tengono conto degli eventi relazionali che vanno nella direzione di un clima familiare. Più nello specifico si tende a definire il quadro della routine quotidiana, considerando i bisogni dei singoli e del gruppo con le risorse del territorio: scuola, associazionismo giovanile parrocchiale, sportivo, ricreativo ecc.

La cornice della routine offre agli utenti il ritmo dell'impegno e del tempo libero, dei momenti comuni e dei momenti per sé, del dover fare e del poter  scegliere. Creando, inoltre, quel clima di alleanza tra i componenti del “gruppo famiglia” che vuol dire far nascere un sentimento di protezione e di rassicurazione che dall'interno va all'esterno.

All'interno della casa si crea un ambiente affettivo, attraverso attività programmate, finalizzate alla realizzazione di una "unità abitativa" che porti in sé il valore dell'appartenenza, della partecipazione e della condivisione (gestione della casa, spazi emozionali, gioco e dialogo, organizzazione del tempo libero, pranzo e cena). Le attività quindi prevedono la compartecipazione di tutti rendendo partecipi i ragazzi delle decisioni da prendere per affrontare un problema o per migliorare il funzionamento della casa.

Tali attività che si organizzano dovranno tener conto delle difficoltà individuali e delle ansie di riuscita del compito. Conseguentemente è necessario sottrarre qualsivoglia prestazione dei ragazzi o delle loro idee a giudizi di valore.

Al contempo è previsto uno spazio di ascolto individuale per riconoscere la presenza delle emozioni degli ospiti della casa e far loro acquisire la capacità di parlarne, infine, per far emergere le problematiche individuali e relazionali all'interno delle comunità, è prevista la costituzione di piccoli gruppi di confronto e aiuto condotti dallo psicologo della Comunità.

In definitiva il messaggio che la comunità intende trasmettere è quello di far vivere con certezza l'aspettativa che “c'è chi si prende cura dei miei bisogni”.

Comunità alloggio per Minori
"La Farfalla"
via Convento
98060 - Piraino (ME)

Contatti